ENGLISH

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA

 . Normalmente la paura e la difficoltà del bambino ad addormentarsi
nascondono la paura del genitore a staccarsi dal figlio.
Occorre sforzarsi un po’ per contenere la propria ansia,
affinché il figlio possa concedersi sonni tranquilli senza ricorrere
al lettone.

• Per lo sviluppo di una propria stabilità interna e la costruzione
di una propria sicurezza, i bambini dovrebbero fin da subito
dormire nella propria cameretta.

• I bambini sono provvisti fin dalla nascita di efficienti sistemi
neurobiologici per regolare da soli fame e sazietà. I genitori,
in condizioni normali, non dovrebbero avere mai motivo di
preoccuparsi circa l’assunzione di cibo da parte del proprio
figlio.

• Se un genitore insiste nel far mangiare il bambino, non riconoscendogli
la risposta di sazietà, il figlio vivrà quel genitore
come intrusivo e violento, serrando ancor più la bocca per difendersi.

• Mai usare la distrazione per far mangiare i bambini. Niente televisione, niente cartoni, niente giochi mentre si mangia:molto meglio parlare, scherzare, raccontare, ascoltare.

• L’eccessiva pianificazione delle attività dei bambini inibisce
l’esplorazione, la curiosità, l’entusiasmo e il desiderio. Anche
se superimpegnati, in realtà tendono alla passività. Occorre
lasciare loro del tempo libero da gestire da soli: dalla noia svilupperanno
fantasie, sogni e desideri.

• Non demonizzate la noia né combattetela a ogni costo. Piuttosto
somministratela con equilibrio ai vostri figli: un bambino
annoiato aguzzerà l’ingegno.

• Il tempo vuoto e la noia aiutano i bambini a percepire, sedimentare
ed elaborare il proprio sentire, i propri stati d’animo
e le variazioni delle proprie emozioni.



Infosoft Viterbo