ENGLISH

PAOLO E TIZIANO

Paolo ha 16 anni compiuti. Tiziano quasi 15. Paolo va bene a scuola e i suoi genitori si dedicano molto a lui:, Tiziano i suoi li vede raramente (e a cena regna sovrano il telegiornale), però va forte  con i videogame e trascorre molte ore al giorno davanti al computer, dimenticandosi perfino di studiare,tant’è che a scuola va proprio male.

I genitori di Paolo si incontrano spesso con gli insegnanti del figlio, quelli di Tiziano non hanno mai tempo per recarsi a scuola, anche se sono stati avvertiti più di una volta per le troppe assenze, giustificandolo per qualsiasi cosa faccia.

Tiziano sta sempre con amici più grandi e spesso torna a casa tardi dopo l’ora di cena. La mamma lo vorrebbe mettere in punizione: “domani non esci!”

Il padre si arrabbia e urla: “questa casa non è un albergo!” Ma l’indomani Tiziano uscirà di nuovo, rincasando quando vuole, come sempre.

Paolo ha orari ben definiti e contrattati insieme di volta in volta. Un giorno che tornò con due ore di ritardo senza avvertire, i genitori lo hanno fatto rimanere in casa senza uscire per due settimane. Paolo si arrabbiò molto per la punizione, ma non ci fu modo di persuadere il padre e la madre a ritrattare.

Tiziano dice sempre che a 18 anni andrà ad abitare da solo.

Paolo non lo dice mai, ma si sta già attivamente informando sulla facoltà di architettura in una città diversa dalla propria.

Tiziano è sprezzante, apparentemente sicuro e forte.

Paolo è discreto, generoso, ma prudente.

Tiziano è andato in discoteca per la prima volta e si è sentito morire dalla paura.

Paolo, quando è andato in discoteca per la prima volta, si è divertito da morire.

Tiziano adesso beve ogni volta che va in discoteca.

Paolo, un sabato sera, lo ha riconosciuto: un tempo erano grandi amici.

Tiziano stava male e vomitava.

Paolo lo ha aiutato, gli è stato vicino tutta la serata e poi lo ha accompagnato a casa con lo scooter.

I genitori di Tiziano hanno rassicurato Paolo:

“Grazie dell’aiuto, ma non ti preoccupare: non è nulla, forse gli ha fatto male qualcosa.”

Tiziano, nel salire le scale, si voltò per salutare Paolo.

Paolo si accorse che stava piangendo in silenzio.

Se vi è piaciuto questo articolo, mettete 'mi piace' nella nostra pagina di Educazion Emotiva di fb. Grazie!


https://www.facebook.com/educazione.emotiva

 

 

 



Infosoft Viterbo