ENGLISH

Educazione emotiva > Articoli

Riportiamo in questa pagina alcuni articoli che Ulisse Mariani e Rosanna Schiralli hanno redatto per i lettori di questo sito, per altri siti web e per riviste specializzate.


EducationApp
OGGI E' NATA EducationApp! L'APP GRATUITA PER OGNI GENITORE, PER OGNI INSEGNANTE E PER TUTTI COLORO CHE HANNO A CUORE I PROBLEMI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. Scaricatela direttamente da questo link! http://app.educazioneemotiva.it   Gratuita e di facile consultazione sarà una

leggi tutto l'articolo >

L'ADULTO E LA RABBIA DEL BAMBINO: SUGGERIMENTI
  Un buon adulto dovrebbe aiutare ogni bambino a gestire i momenti di rabbia. In particolare si dovrà adoperare per: -    cogliere la rabbia (o qualunque altra particolare situazione del figlio) per creare un’occasione di intimità e di profonda interazione; -

leggi tutto l'articolo >

L'ADULTO E LA RABBIA DEL BAMBINO: SUGGERIMENTI
  Un buon adulto dovrebbe aiutare ogni bambino a gestire i momenti di rabbia.In particolare si dovrà adoperare per:-    cogliere la rabbia (o qualunque altra particolare situazione del figlio) per creare un’occasione di intimità e di profonda

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
. Non è opportuno sostituirsi ai figli, togliendo loro ogni conflitto,ogni fatica, ogni frustrazione: si rischia di non farli crescereautonomi e di indurre insicurezza. • I genitori non dovrebbero mai temere gli intensi stati emotividei propri figli (rabbia, tristezza,

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA ESEMPIO DI APPROCCIO ERRATO - Mamma, mamma! Silvia mi ha rubato la bicicletta. - Uffa… cosa c’è ancora? - Silvia… la bicicletta… è mia! - Certo che è tua. Adesso te la darà. - No, mamma! Non capisci: me

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
. Dare tutto e subito ai propri figli, convinti di farli contenti enon farli soffrire, contribuisce alla costruzione di un Io moltofragile e a un falso senso di onnipotenza pronto a frantumarsialle prime, inevitabili frustrazioni. • Contrariamente a quanto si crede, accogliere con

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
. Non è opportuno sostituirsi ai figli, togliendo loro ogni conflitto,ogni fatica, ogni frustrazione: si rischia di non farli crescereautonomi e di indurre insicurezza. • I genitori non dovrebbero mai temere gli intensi stati emotividei propri figli (rabbia, tristezza,

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
 . Per mantenere una buona sintonia emotiva con i figli anche inpresenza di difficoltà e malessere personali occorre che pensieri,stati d’animo e sentimenti riferibili a quelle difficoltà e aquel malessere siano chiari e coscienti nella mente dell’adulto.I bambini,

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
• Occorre dare continuità alla relazione, evitare interruzioni frequentie ripetere i gesti di accudimento (introducendo peròsempre piccole variabili per non disattivare completamentel’attenzione) favorenti sia la tranquillità sia l’eccitazione, standoattenti a

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
. I padri, così come le madri, dovrebbero evitare forti oscillazionitra eccessivo permissivismo e atteggiamenti autoritari:un tale comportamento, se reiterato, può provocare nei figlidisorganizzazione e insicurezza nella costruzione di adeguatilegami di attaccamento. Un registro

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
. Quando nasce un figlio, la gran parte delle mamme deve fare iconti con sentimenti di smarrimento, solitudine, impotenza esenso di fallimento. Non bisogna preoccuparsi: è assolutamentenormale nei primi mesi. La costruzione e la realizzazione diun legame significativo con un bambino non sono

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
• I bambini, per una disposizione innata, sono spinti a ricercareattivamente qualcuno che li rassicuri e li protegga. Mamma epapà devono rispondere a questo bisogno di attaccamento conun’adeguata offerta di cure, protezione e vicinanza. • I gesti dell’accudimento

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
. I figli, appena nati, non avendo un carattere preformato che sisvilupperà da solo, hanno necessità di trovare posto nella testae nelle attenzioni dei genitori come in un marsupio. Devonopoter percepire fin da subito come loro vengono vissuti, accoltie accettati dai propri genitori.

leggi tutto l'articolo >

PILLOLE DI EDUCAZIONE EMOTIVA
. Ogni vissuto, ogni intenzione, ogni situazione, ogni emozionedi mamma e papà hanno una ricaduta sul bimbo: nel bene enel male. Occorre regolarsi di conseguenza. I bambini piccoliinfatti non sono né una tabula rasa né «esserini» incapaci disentire e percepire

leggi tutto l'articolo >

QUANDO UN BAMBINO SI ARRABBIA...
Tra tutte le emozioni, la rabbia appare la più problematica dal punto di vista educativo.Un bambino arrabbiato, infatti, impegna i genitori nella ricerca della soluzione del problema e nel trovare strade alternative per affrontare e superare la propria frustrazione.L’intera operazione

leggi tutto l'articolo >

IL TEMPO CHE NON ARRIVA MAI
Gli impegni infiniti, lo stress e la fatica nel sostenere i ritmi della quotidianità abbattono la disponibilità all’incontro e alla condivisione. I legami tendono a farsi rarefatti perché scontati; i rapporti affettivi diventano sempre più puntiformi, quasi

leggi tutto l'articolo >

'INSEGNAMI A CONNETTERMI'
Gli esseri umani sono profondamente e intensamente programmati per connettersi: il programma di connessione, alla base di ogni esistenza e indispensabile per uno sviluppo sano ed equilibrato, necessita però, fin dal principio della vita, di essere riconosciuto, decodificato e

leggi tutto l'articolo >

PILLOLA ROSSA O PILLOLA BLU: LE EMOZIONI STUPEFACENTI
PILLOLA ROSSA O PILLOLA BLU? LE EMOZIONI STUPEFACENTIGli oggetti della dipendenza dei ragazzi (le droghe, l’alcol, Internet, ma anche tanti altri «normali» beni materiali) sono stampelle la cui funzione è proteggere dall’angoscia. Devono pertanto essere sempre

leggi tutto l'articolo >

MA IL CARATTERE DEI FIGLI E' GENETICO?
Assolutamente no. Eppure questa convinzione è la più diffusa e la più difficile da confutare alla gran parte dei genitori, convinti del carattere innato dei loro figli.La genetica predispone alcune tendenze, evidenzia competenze da sviluppare, determina, ed anche questo non

leggi tutto l'articolo >

FIGLI PIU' INTELLIGENTI
Rendere il proprio figlio più intelligente è il sogno di ogni genitore. Eppure, per incrementare le potenzialità cognitive, qualcosa potete fare fin dai primi mesi di vita del piccolo: invece di presentargli continuamente gli stimoli, pensando che tale atteggiamento sia l'unico

leggi tutto l'articolo >

I NO FANNO DAVVERO CRESCERE
A volte un “no” secco, deciso e autorevole, senza urlare e senza ripetersi o giustificarsi, rappresenta per i figli un vero toccasana: sentono che qualcuno è in grado di risolvere il conflitto, di assumersi le responsabilità e soprattutto di interrompere senza indecisioni

leggi tutto l'articolo >

LO STRANO CASO DEI FIGLI DEL TERZO MILLENNIO
Iperprotetti, adorati, con la strada spianata verso un futuro indefinito e incerto, gli adolescenti vengono spinti a crearsi delle «nicchie» per incontrasi (bar, discoteca e poco altro), ad accedere a una enorme quantità di «beni-gadget» (vestiti, accessori,

leggi tutto l'articolo >

LA SINTONIA EMOTIVA
 Un buon legame (a noi piace chiamarlo “sintonia emotiva”) si realizza quando i genitori favoriscono nei figli la condivisione dell’attenzione (cosa stiamo osservando?), dell’intenzione (cosa stiamo facendo?), dell’affettività (quanto ci vogliamo bene?) e

leggi tutto l'articolo >

GLI ABUSI CAMBIANO IL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI
In alcuni recenti studi condotti presso l’University College di Londra si è potuto appurare che nei più giovani, abusi e maltrattamenti emotivi, come la trascuratezza e l’abbandono, alterano la funzionalità del cervello, rendendolo ipersensibile agli stimoli

leggi tutto l'articolo >

IL MERCATO DELL'ECCESSO: QUALCHE SPUNTO PER RIFLETTERE
       La vita di noi esseri umani porta con sé una strana maledizione: è attratta dall’eccesso.      Le nostre esistenze, come individui, come gruppi organizzati e come popoli, tendono continuamente a rompere

leggi tutto l'articolo >

E SE MIO FIGLIO VA SU CERTI SITI...
Può succedere ed è facile che succeda. Il problema non è tanto una semplice questione morale o di decenza, ma la possibilità che vostro figlio possa assistere ad una sessualità acrobatica , lontana dai canoni reali e normalmente caratterizzata da violenza e

leggi tutto l'articolo >

AVVISO A TUTTI GLI INSEGNANTI
Se notate un vostro alunno perdere spesso l'attenzione senza che ciò gli fosse successo prima; se ha un brusco abbattimento del profitto e del rendimento scolastico, ma se, soprattutto, lo vedete sbadigliare, assonnato, come avesse trascorso una notte in bianco, specie nella mattinata del

leggi tutto l'articolo >

LO SPORT PIU' ADATTO PER UN FIGLIO
 Impegnare un figlio in una attività sportiva fin da quando è piccolo fa bene alla sua salute ed anche al suo sviluppo . Questo è sicuro.Occorre però una certa dose di equilibrio nello scegliere lo sport più consono alle esigenze e ai desideri del

leggi tutto l'articolo >

CAPRICCI A TAVOLA
   Intorno all’alimentazione dei bambini si susseguono e si intrecciano una serie di punizioni, minacce , preghiere e le più disparate strategie di distrazione messe in atto dai genitori nella vana speranza e nell’ingenuo tentativo di far mangiare il figlio.Normalmente

leggi tutto l'articolo >

DEPRESSIONE MATERNA E SVILUPPO DEL BAMBINO
L’ acquisizione recente in base alla quale i bambini, fin dal momento della nascita (e probabilmente anche nel periodo prenatale), sviluppano le loro potenzialità rispecchiandosi nella mente della madre, pone numerosi problemi.Quando nasce un bambino, le madri affrontano un periodo

leggi tutto l'articolo >

IL CERVELLO DELLE MAMMA E DEI PAPA'
Le neuroscienze confermano che il cervello di voi mamme, ma anche di voi papà, si modifica in modo sostanziale durante il primo periodo di accudimento del figlio: sembra infatti che aumentino in modo considerevole le capacità di efficienza, la percezione, la resilienza, la

leggi tutto l'articolo >

LA GENITORIALITA'
La genitorialità dipende in gran parte da come abbiamo affrontato la vita, superato gli ostacoli, vissuto le emozioni.La sensibilità, l’attitudine all’ascolto, le competenze empatiche e l’autorevolezza sono generalmente il prodotto di un lungo processo

leggi tutto l'articolo >

SE MIO FIGLIO MI RISPONDE MALE
Non permetteteglielo. Mai.Se vostro figlio vi insulta e vi tratta male, dipende, con molta probabilità, dal fatto che glielo avete consentito da sempre ed ora avete paura di lui.Non riuscendo a contenerlo, si arrabbierà di più e contemporaneamente vi stimerà talmente

leggi tutto l'articolo >

LA COMPLICITA' CON I FIGLI: QUANTA NE OCCORRE?
 Quanto basta: né poca né tale da condividere proprio tutto.Complicità con un figlio significa soprattutto stare dalla sua parte, condividendo con lui gioie, traguardi, trepidazioni ed anche delusioni al fine di aiutarlo ad orientare emozioni, pensieri ed azioni.Questo

leggi tutto l'articolo >

FIGLI ADOLESCENTI ED ALCOOL
No, mai.Tollerare una condotta lesiva e pericolosa per la salute del proprio figlio può comportare il perdere il potere contrattuale educativo e l’autorevolezza nell’indicare altre condotte.Non valgono neppure brillanti considerazioni del tipo “tutti fanno

leggi tutto l'articolo >

FIGLI E TV: COME REGOLARSI?
Per quanto riguarda il tempo, è necessario distinguere tra tempo “solitario” consumato davanti alla TV e tempo ludico e socializzante per assistere, insieme alla famiglia o a qualche amico, a programmi divertenti, istruttivi o a film.Nel primo caso non si dovrebbe consentire ai

leggi tutto l'articolo >

EDUCARE ALLE EMOZIONI: COSA SIGNIFICA...
Educare alle emozioni significa offrire ai figli le necessarie opportunità per apprendere a identificare, gestire e modulare il proprio mondo interno costituito da sensazioni ed emozioni.Quando sono piccoli, tale apprendimento avverrà modulando i propri stati emozionali allo stato

leggi tutto l'articolo >

LA NASCITA DI UN PADRE: VOGLIA DI ESSERCI E TENTAZIONE DI FUGGIRE
LA NASCITA DI UN PADRE 'Voglia di esserci e tentazione di fuggire' La percezione emotiva della paternità si costruisce in tempi molto più ristretti rispetto alla maternità: mentre la donna infatti, in virtù di una lunga gestazione, ha la possibilità di

leggi tutto l'articolo >

TUTTO INTORNO A LORO
L'educazione permissiva, soprattutto quando è permeata da venature di buonismo coatto, abbatte irreversibilmente l'autorevolezza delle famiglie, favorisce l'appiattimento di ogni conflitto tra generazioni, spiana paradossalmente la strada all'autoritarismo del Mercato, pronto a fidelizzare,

leggi tutto l'articolo >

IL MERCATO DELL'ECCESSO
  La vita di noi esseri umani porta con sé una strana maledizione: è attratta dall’eccesso. Le nostre esistenze, come individui e come popoli, tendono continuamente a rompere l’equilibrio in una direzione soltanto: quella dissipazione, della dismisura, del consumo,

leggi tutto l'articolo >

DEPRESSIONE MATERNA E SVILUPPO DEL BAMBINO
L’ acquisizione recente in base alla quale i bambini, fin dal momento della nascita (e probabilmente anche nel periodo prenatale), sviluppano le loro potenzialità rispecchiandosi nella mente della madre, pone numerosi problemi di ordine scientifico e di politica sociale. Quando nasce

leggi tutto l'articolo >

UN NUOVO VIRUS TELEMATICO
  Tutti sanno che Internet, in alcuni paesi, viene oscurato e molti siti non possono essere visitati. Si tratta di paesi dove i diritti civili sono normalmente calpestati o ristretti da governi oppressivi e regimi dittatoriali. La “finestra sul mondo” offerta dai motori di

leggi tutto l'articolo >

LE REGOLE FANNO BENE AL CERVELLO
Si sa, nell’adolescenza, la voglia di esprimersi, decidere e… volare non ammette limiti. Scontrarsi con regole e divieti per molti ragazzi può sembrare perciò inconciliabile. La ricerca di affermazione e autonomia dei figli adolescenti non è tuttavia in antitesi

leggi tutto l'articolo >

PROMUOVERE IL BENESSERE A SCUOLA: LA DIDATTICA DELLE EMOZIONI®
Negli ultimi tempi, tra educatori e docenti delle scuole, è opinione condivisa e diffusa che ogni nuovo anno scolastico porti con sé alunni diversi. Più svogliati, ansiosi ed iperattivi, incapaci di concentrarsi, di applicarsi con costanza, di rispettare alcune regole. E

leggi tutto l'articolo >

IL FATTORE E
Forse per la prima volta nella storia moderna un capo di Stato, almeno nelle sue ultime dichiarazioni, afferma che il futuro della società dipende da quanto siamo disposti a investire sull’empatia, quella competenza umana caratterizzata dalla capacità di percepire come si sente

leggi tutto l'articolo >

I FIGLI CI LEGGONO (QUASI) NEL PENSIERO
Da sempre le scienze dell’educazione, della psicologia dello sviluppo e gli studi sull’infanzia e l’adolescenza hanno dibattuto circa la migliore modalità per uno sviluppo ottimale della personalità dei soggetti in età evolutiva. Nel corso del tempo sono

leggi tutto l'articolo >

APOCALYPSE NOW
  Un fatto è certo: quando ho iniziato ad esercitare la mia professione di psicoterapeuta, occupandomi nel tempo sempre più  di bambini, di adolescenti e delle loro famiglie, non avrei mai pensato di affrontare problemi, disagi e psicopatologie in rapidissimo cambiamento,

leggi tutto l'articolo >

LA DIDATTICA DELLE EMOZIONI®: LA PAROLA AGLI ALUNNI
 Si è già parlato in questo sito (nel Forum si è addirittura creata uno spazio specifico) della “didattica delle emozioni”, un nuovo format di intervento educativo e preventivo che mote scuole stanno adottando, considerati gli straordinari successi che si

leggi tutto l'articolo >

LA REGOLA E L'ECCESSO
E’ curioso osservare come, mentre viviamo in una società attenta alla salute (vaccinazioni, cure mediche, profilassi, ingenti spese economiche per sostenere il Servizio sanitario nazionale) e alla sicurezza (obbligo del casco e delle cinture, norme fortemente vincolanti per costruire

leggi tutto l'articolo >

GENERAZIONE IN ESUBERO
Due, forse tre o anche più generazioni stanno andando in saldo. Liquidate senza che nessuno ne parli, senza che la cronaca salottiera (sia quella urlata dal bar dello sport che quella intellettuale da sala da the) vi ponga un minimo d attenzione, tanto è occupata a dissertare del

leggi tutto l'articolo >

NEURONI SPECCHIO, EDUCAZIONE E NEOUMANESIMO
Le straordinarie funzioni dei neuroni specchio, scoperti qualche anno fa da un’équipe di ricercatori italiani, ne fanno senza dubbio la “star scientifica” dell’anno in corso. Se ne comincia a parlare anche in ambienti non strettamente elitari, in quanto tali neuroni

leggi tutto l'articolo >

PICCOLI IMPERATORI CRESCONO
 Per secoli la struttura della società è rimasta pressoché invariata. Le istituzioni, la famiglia, i rapporti di lavoro e di produzione sono stati sempre regolati da norme e tempi definiti. Perfino le fasi del ciclo di vita erano stabilite con scansioni temporali

leggi tutto l'articolo >

LA GUERRA DEI COMPITI A CASA
 L'estate sta volgendo al termine e già in molte famiglie si aggira lo spettro della scuola.   All'improvviso sembra che le vacanze, il riposo e il relax siano sfumati al solo pensiero di riprendere la frenetica ritualità che gira intorno alla scuola: libri da comprare,

leggi tutto l'articolo >

GUARIRE DALLA PSICOSI
La psicosi è una malattia mentale molto grave, dai sintomi invalidanti che possono rendere la vita del paziente in costante pericolo di crisi e agitazione o, al contrario, ritirata e lontana da ogni possibile relazione vitale con l'Altro. Le crisi e le ritirate sono spesso caratterizzate

leggi tutto l'articolo >

UNA SENTENZA 'EMOTIVA'
 Nel desolato panorama etico del nostro paese, da qualche giorno ha cominciato a diffondersi una notizia tanto confortante quanto insolita: il giudice della X sezione del tribunale civile di Milano, Bianca La Monica, ha condannato i genitori degli adolescenti che qualche anno fa hanno

leggi tutto l'articolo >

UN ANNO SCOLASTICO DA NON PERDERE
E’ ormai quasi settembre e le scuole tra poco inizieranno a ripopolarsi di docenti alle prese con riunioni, consigli e progetti. Agli alunni toccherà intorno alla metà del mese. Ogni scuola sta già preparando le linee conduttrici delle attività regolari e

leggi tutto l'articolo >

SONO PROPRIO UN MOSTRO
“Che schifo che sei!” “Accidenti è vero. Ti riferisci ai capelli? Sono così sfibrati perché me li stiro sempre. Se non facessi così, sembrerei proprio una strega.” “Ma che capelli! Non ti sei vista sul volto?” “Alludi ai

leggi tutto l'articolo >

QUANDO LA PAROLA SI INTERROMPE: LA BALBUZIE
La balbuzie consiste in una interruzione involontaria del normale flusso del linguaggio (un difetto di coordinazione neurodinamica di origine emozionale). Il soggetto balbuziente, pur sapendo ciò che vuole esprimere, non riesce a farlo fluentemente a causa di una ripetizione, di un

leggi tutto l'articolo >

PARLARE ALLE FAMIGLIE: CHE PROBLEMA!
Sempre più spesso i genitori degli alunni, lungi dal rappresentare una risorsa e importanti alleati in ambito educativo, costituiscono per molti insegnanti una vera e propria difficoltà. E’esperienza ormai consolidata di numerosi docenti che esistono due tipologie problematiche

leggi tutto l'articolo >

PAOLO E TIZIANO
Paolo ha 16 anni compiuti. Tiziano quasi 15. Paolo va bene a scuola e i suoi genitori si dedicano molto a lui:, Tiziano i suoi li vede raramente (e a cena regna sovrano il telegiornale), però va forte  con i videogame e trascorre molte ore al giorno davanti al computer, dimenticandosi

leggi tutto l'articolo >

NON CI SONO PIU' GLI ALUNNI DI UNA VOLTA
Non è un luogo comune. E’ una constatazione purtroppo condivisa da tutti gli insegnanti e ripetuta spesso con una amarezza così ampia da creare sconforto e sconcerto diffuso. Non ci sono più gli alunni di una volta. Si pronuncia ripetutamente questa frase pensando

leggi tutto l'articolo >

NICK NAME
Riccardo ha tanti amici. Non hanno un nome, ma tanti fantasiosi nick name. Sono tutti affettuosi, pronti ad ascoltarlo, ma non li ha mai visti in volto. Riccardo è innamorato di Ninfea92 e di Asia, ma non sa neppure dove abitino. Riccardo si chiama Konan e i suoi amici della Rete lo

leggi tutto l'articolo >

LA SOLITUDINE DI MASSIMILIANO
Massimiliano è stufo di andare a scuola, dove lo attendono ore fatte solo di brutti voti, note sul registro e noiosissime paternali che lo invitano all’impegno, alla motivazione, allo studio e ad una condotta più appropriata e rispettosa. Ogni volta che gli va, piuttosto che

leggi tutto l'articolo >

LA NEUROBIOLOGIA DI UNA EDUCAZIONE EFFICACE: LA SPERANZA DELLA RESPONSABILITA'
Da quando la PET e la REM vengono utilizzate nel campo della ricerca neurofisiologica, negli ultimi anni molti studiosi stanno verificando alcune ipotesi sullo sviluppo del cervello e del comportamento dei bambini quando sono in relazione con gli adulti di riferimento. Questo filone di ricerca

leggi tutto l'articolo >

LA CURA DELLE EMOZIONI
Che l’integrazione sociale e le buone relazioni abbiano un impatto positivo sulla salute pubblica non è certo un mistero, ma forse rimangono ancora elementi sottovalutati, considerando l’enorme peso delle case farmaceutiche sui nostri stili di vita. Si tende infatti a

leggi tutto l'articolo >

L’ANORESSIA DI ROBERTA: LA DIFFICOLTÀ DI VIVERE LE PROPRIE EMOZIONI
Roberta è brava in tutto. Ha quindici anni e nello sport è proprio uno schianto. Alle parallele e agli anelli sembra volteggiare; nella corsa vince sempre; a pallacanestro e a pallavolo trascina le rispettive squadre costantemente al successo. Va a scuola sempre con la sua

leggi tutto l'articolo >

INSEGNARE: CHE FATICA!
Che sempre l’insegnamento sia stato un lavoro faticoso cominciano a capirlo in parecchi.  Fino a poco tempo fa infatti attorno a questa professione circolavano molti luoghi comuni: hanno tre mesi di ferie all’anno; a Natale e Pasqua se la spassano tranquillamente a casa; lavorano

leggi tutto l'articolo >

IL VOLO DELL'AQUILA
  In questi giorni è entrato in tutte le nostre case il dramma dell’Abruzzo. Le case distrutte, le bare allineate, lo sbigottimento sul volto della gente ci hanno ricordato ancora una volta quanto la vita sia effimera. Tra tutti i servizi trasmessi in televisione, uno in

leggi tutto l'articolo >

IL PUNTO E LA LINEA
  Ogni forma di dipendenza patologica attacca il soggetto in molte aree della sua vita, rendendo precaria l’esistenza. Tale precarietà è tuttavia vissuta spesso con distacco, quasi non fosse riconosciuta né fosse foriera di preoccupazione e malessere. I giovani

leggi tutto l'articolo >

IL POTERE CONTRATTUALE DELL’EDUCAZIONE: GARANZIA DI BENESSERE E SALUTE PER TUTTI I FIGLI
  Si sa, nell’adolescenza, la voglia di esprimersi, decidere e… volare non ammette limiti. Scontrarsi con regole e divieti per molti ragazzi può sembrare perciò inconciliabile. La ricerca di affermazione e autonomia dei figli adolescenti non è tuttavia in

leggi tutto l'articolo >

IL FASCINO DISCRETO DELLA MEDIOCRITA'
Un tempo esistevano gli eroi. Un tempo calciatori, attori, musicisti e cantanti favorivano nei giovani identificazioni, sogni e desideri. Un tempo, poco male se non si diventava campioni sportivi, attori famosi o grandi chitarristi: bastava il loro esempio di virtù e di virtuosismo per

leggi tutto l'articolo >

IL FASCINO DISCRETO DELL'ORZATA
  Le droghe, tutte le droghe, vengono normalmente utilizzate dai giovani  perché inducono un’alterazione della coscienza: una alterazione che eccita, distorce, esalta, fa dimenticare; una alterazione che permette di “svoltare” la noia e il senso del vuoto,

leggi tutto l'articolo >

GLI SPECCHI DELLA MENTE
E' ormai accertato che i figli, da quando nascono, sono completamente dipendenti dalle figure di accudimento non soltanto da un punto di vista fisico (nutrimento, pulizia, difesa da ogni possibile pericolo, ma anche mentale. Pur non sapendo di esistere infatti, i neonati percepiscono comunque di

leggi tutto l'articolo >

L'EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI COME PROMOZIONE DEL BENESSERE A SCUOLA: LA DIDATTICA DELLE EMOZIONI®
Negli ultimi tempi, tra educatori e docenti delle scuole, è opinione condivisa e diffusa che ogni nuovo anno scolastico le “reclute”, siano esse i bambini della scuola dell’infanzia, della scuola primaria o gli alunni più grandi, sono diverse: sono più

leggi tutto l'articolo >

DALLA BAMBAGIA AI BAMBOCCIONI
Quando si parla di autonomia dei figli e di come far raggiungere loro un sufficiente grado di indipendenza e autostima, sembra chissà quali forche caudine i genitori debbano attraversare. Insegnare l’autonomia appare oggi un grande problema e si è convinti il più delle

leggi tutto l'articolo >

CHIEDO L'AMICIZIA
  E’ di questi giorni la notizia che il Policlinico Gemelli di Roma ha aperto un ambulatorio per la diagnosi e la cura dei soggetti dipendenti da Internet. L’iniziativa indica quanto sia preoccupante il fenomeno e quanto sia dilagante questa nuova dipendenza che, pur mantenendo

leggi tutto l'articolo >

C'ERA UNA VOLTA...LA FAVOLA
Ormai una grande quantità di bambini non sentono più le favole e probabilmente molti di loro non sanno neanche cosa siano. Congegni tecnologici sempre più sofisticati occupano in pianta stabile il tempo dei bambini: storie e favole sono per lo più digitali e televisive,

leggi tutto l'articolo >

QUELL'INSOSTENIBILE PESANTEZZA DEL NON ESSERE
Nella storia delle civiltà non si ravvisa un periodo nel quale l’attenzione e la considerazione per l’infanzia e l’adolescenza siano state particolarmente alte. D’altra parte l’adolescenza, almeno fino al secolo scorso, si è prevalentemente

leggi tutto l'articolo >

ALLA RICERCA DEI TALENTI PERDUTI
 Da molto tempo (da troppo tempo), si parla del disagio dei giovani, di disadattamento crescente tra le nuove generazioni, della caduta dei valori in tanti ragazzi e ragazze, di droga e di alcool, di nuove patologie psicologiche, di devianza. Sembra che ogni tentativo di restituire i giovani e

leggi tutto l'articolo >

GENITORI A SCUOLA
Si assiste ad un’epoca in cui al dilagare di nuove forme di disagio in età preadolescenziale e adolescenziale, caratterizzate prevalentemente da nichilismo, comportamenti aggressivi e dipendenza patologica, non si contrappongono politiche e strategie di intervento efficaci e

leggi tutto l'articolo >
Infosoft Viterbo